Rivoluzione industriale green: bioplastiche economiche con startup FabricNano

Rivoluzione industriale green: bioplastiche economiche con startup FabricNano

La startup londinese FabricNano si aggiudica un round di finanziamento di serie A da 12.5 milioni di dollari. 

Il progetto

Il finanziamento premia la rivoluzione industriale sostenibile sviluppata da Grant Aarons, ingegnere e Ceo dell’azienda, e da Ferdinando Randisi, fisico italiano e Cto della startup

FabricNano offre infatti una nuova modalità di produzione delle bioplastiche, volta a dimezzare i costi e ad accelerare efficacemente la transizione ecologica

La tecnologia

L’invenzione si basa su un processo tecnologico di bioproduzione senza cellule in cui si immobilizzano gli enzimi su un tessuto di Dna, con una precisione nanometrica.

I fondi ricevuti faciliteranno lo sviluppo della tecnologia FabricFlow, che offre un’alternativa concreta ai processi basati sul petrolio nella produzione di materiali sintetici (plastica, prodotti chimici).

L’abbattimento dei costi

Sostituire la plastica derivata dal petrolio con la bioplastica risolverebbe il problema dell’inquinamento; l’ostacolo maggiore è però rappresentato dal costo proibitivo delle bioplastiche.
L’aspirazione di FabricNano è proprio quella di
dimezzare il costo delle bioplastiche, dagli attuali 3 dollari a 1-1.5 dollari al chilo.

E Randisi sottolinea come il processo tecnologico della startup consenta di produrre bioplastica a partire dalla glicerina grezza, materiale di scarto del processo produttivo del biodiesel.
Queste sono le ambiziose premesse che porteranno alla produzione su larga scala di nuovi biomateriali.

A servizio dell’industria farmaceutica

Anche le aziende farmaceutiche si dimostrano interessate al processo che coinvolge gli enzimi. La tecnologia di FabricNano consentirà infatti a tale modalità di diventare competitiva sul mercato, aumentando la disponibilità di medicinali e ingredienti farmaceutici alla portata di tutti.    

Fonte: Adnkronos

Potrebbe interessarti anche: Plastiche ad elevate prestazioni, stampa 3D e Industria 4.0: triade dell’innovazione industriale

Per non perdere nessun aggiornamento sul mondo dell’Engineering, segui ItalianIngenio su Facebook!