Pmi lombarde: se la transizione digitale si fa a costo zero?

Pmi lombarde: se la transizione digitale si fa a costo zero?

Non ci sono scuse, l’occasione va sfruttata. Questa è l’affermazione che pare emergere dalla stima effettuata dal centro studi Cna Lombardia, relativa alla combinazione di Pnrr e fondi strutturali di Next Generation Eu.

Essi copriranno investimenti in ricerca, tecnologia, macchinari (fondo europeo di sviluppo regionale) e in capitale umano (fondo sociale europeo).

9.8 miliardi in crescita digitale

La stima prospetta, infatti, per molte piccole e medie imprese lombarde una transizione digitale a costo zero. Le pmi lombarde potranno contare su 9.8 miliardi per la crescita digitale nei prossimi sette anni.

Assoldare o formare?

Tali risorse porteranno alla formazione di due mercati paralleli. Da un lato si verificherà l’incremento della richiesta di esperti e consulenti esterni, con un volume d’affari nella sola Lombardia pari a quasi 2 miliardi di euro. Dall’altro si attendono importanti investimenti, prossimi al miliardo, in formazione continua e capitale umano.

Percorsi formativi per la digitalizzazione

E Cna Lombardia, attraverso l’ente di formazione Ecipa, in accordo con Made – Competence Center per l’Industria 4.0, si impegna proprio in quest’ultima direzione, costruendo percorsi formativi a favore della digitalizzazione delle pmi locali.

Come sottolinea il presidente di Made, Marco Taisch, solo il contributo di personale qualificato permetterà di dispiegare appieno il potenziale delle nuove tecnologie, rendendo realtà la rivoluzione di Industria 4.0.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti anche: Industria 4.0 e digitalizzazione faticano ancora a entrare nella testa dell’imprenditore?

Rimani aggiornato sulle ultime news del mondo dell’Engineering, segui ItalianIngenio su Twitter!