Plastometro ad estrusione PCE-MFI 400

Plastometro ad estrusione PCE-MFI 400

L’estrusione è un processo di produzione industriale di deformazione plastica che consente di produrre pezzi a sezione costante. 

Il materiale termoplastico malleabile viene compresso fino a farlo passare attraverso una filiera con la forma dell’estruso che si vuole realizzare o analizzare. La compressione avviene grazie ad una vite che scaldando il materiale malleabile la spinge attraverso questa filiera. 

In questa fase, il plastometro ad estrusione è utilizzato per testare rapidamente la portata massica di fusione delle materie plastiche. La portata massica, nota anche come portata di massa, è una grandezza fisica che indica la massa di fluido che scorre attraverso una sezione in una determinata unità di tempo. 

Per questo motivo, il plastometro ad estrusione è adatto per l’ispezione in ingresso e per il monitoraggio della produzione.

Nel caso del plastometro ad estrusione PCE-MFI 400 di PCE Instruments, che analizziamo oggi, il granulato plastico viene riscaldato a una temperatura specifica che può arrivare a 400 °C. Un pistone con una massa definita preme la massa fusa liquefatta attraverso un ugello con un diametro definito per mezzo del proprio peso e di un peso aggiuntivo.

Dopo un tempo definito, la misurazione sul plastometro ad estrusione viene interrotta. La massa che ha attraversato l’ugello viene determinata mediante una bilancia analitica, ottenendo un valore massa/tempo (g/10min) che viene anche indicato come valore MFR (Melt Mass Flow Rate) o MFI (Melt Flow Index). L’indice di fluidità viene determinato per stabilire il comportamento di fluidità dei materiali termoplastici. Il grado di polimerizzazione può anche essere ricavato dal comportamento del flusso, che a sua volta influisce sulle proprietà della plastica dopo l’iniezione nello stampo.

Grazie alla chiara presentazione di tutti i parametri rilevanti sul display touch da 7” del plastometro ad estrusione PCE-MFI 400, i risultati del test dell’indice di fusione possono essere visualizzati in breve tempo e avere informazioni fondamentali per la produzione del materiale plastico. 

Il plastometro ad estrusione assicura così un miglioramento sostenibile della qualità nel processo di produzione, riduce gli scarti e contribuisce a una riduzione sostenibile dei costi.

La funzione di taglio automatico aumenta la riproducibilità del test dell’indice di fluidità. Le plastiche standard memorizzate consentono all’utente di risparmiare le procedure di configurazione del plastometro ad estrusione. Le materie plastiche immagazzinate comprendono: Polistirene (PS), polipropilene (PP), polietilene (PE), ABS, policarbonato (PC), polimetilmetacrilato (PMMA), POM, MABS, SAN, E/VAC e altri.

Il plastometro ad estrusione PCE-MFI 400 di PCE Instruments è quindi uno strumento adatto a determinare la portata massica della colata per un’ampia gamma di termoplastici. In questo modo, i parametri importanti per la produzione successiva possono essere determinati e regolati prima della produzione.

SPECIFICHE TECNICHE

Range di misura
– Indice di fluidità 0,1 … 400,0 g/10 min.
– Temperatura +120 … +400 °C
Precisione nella misura della temperatura    ±0,2 °C
Risoluzione 0,1 °C
Carico di prova 0,325 … 21,6 kg
Pistone di prova Ø 9,48 mm
Dado capillare Ø 2,095 mm
Normative ISO1133-1997, ASTM 1238-04C, GB/T3682-2000
Display
– Tipo Touchscreen TFT da 7″
– Risoluzione 800 x 480 pixel
– Profondità del colore 16.000 colori
Dimensioni (senza carico) 500 x 320 x 500 mm
Peso (senza carico) Circa 15 kg
Alimentazione 90 … 264V AC
Consumo di energia (con carico max.) Circa 0,6 kVA