Pandemia: crescita e riflessioni del mercato dei giocattoli

Pandemia: crescita e riflessioni del mercato dei giocattoli

La pandemia ha giovato al mercato italiano dei giocattoli, producendo uno scatto verso la ripresa. I dati presentati da Assogiocattoli testimoniano una crescita delle vendite superiore al 18% nell’ultimo semestre.

Una richiesta di svago

Rispetto al 2019, il settore matura un +3%. L’incremento forzato delle ore spese in casa ha provocato un aumento della domanda di giocattoli, pervenuta prevalentemente tramite siti internet e social. La monotonia delle giornate di lockdown ha infatti spinto i genitori a ricercare soluzioni alternative per lo svago e la distrazione dei propri figli (e di se stessi).

Molto più di un gioco

Ma non si tratta solo di questo, perché, come tiene a sottolineare Assogiocattoli, il gioco è un momento centrale nella crescita di un bambino e sottintende un valore pedagogico, sociale e culturale di primo piano. 

L’esperienza della pandemia ha rimarcato la validità di questo principio, favorendo la nascita di “Gioco per Sempre”, una campagna di Assogiocattoli che intende sensibilizzare le famiglie sull’importanza del gioco.

I trend del 2021

Un’analisi più approfondita ha anche evidenziato i trend del settore per l’inverno 2021.
Le costruzioni riconfermano il proprio appeal, segnando i dati di crescita più elevati. Seguono peluche, giochi in scatola, cardgame per giovani adulti, bambole e giocattoli per la prima infanzia.

Ma i principali cambiamenti si registrano nelle modalità di acquisto, con lo shopping online e lo sharing di giocattoli. E nella produzione, con la realizzazione di peluche in plastica riciclata, confezioni green e nuove modalità per la rottamazione dei giocattoli.

Fonte: Ansa

Potrebbe interessarti anche: Una barca a vela da sogno-circolare: stampata in 3D con polimeri riciclati

Rimani aggiornato sulle ultime news del mondo dell’Engineering, segui ItalianIngenio su Facebook!