Le trappole smart monitorano le “catture” e ottimizzano il lavoro agricolo

Le trappole smart monitorano le “catture” e ottimizzano il lavoro agricolo

L’agricoltura di precisione sta modificando il panorama degli strumenti utili a sostenere la produzione e la difesa delle colture.

Sensoristica, elettronica, informatica e intelligenza artificiale non sostituiscono il lavoro sul campo dell’operatore umano, ma contribuiscono a ottimizzare e a rendere più efficace il monitoraggio.

Il funzionamento

Tra le tecnologie disponibili rivestono un ruolo strategico le trappole automatiche, anche conosciute come trappole smart. Si tratta di dispositivi per monitorare gli insetti dannosi sia in frutteti e vigneti sia in colture orticole ed estensive.
In questi dispositivi, il sistema di cattura è integrato con una fotocamera, un sistema di stoccaggio e trasmissione delle immagini e un’alimentazione energetica.

Le immagini così acquisite vengono inviate e archiviate attraverso un servizio di cloud computing, che consente ad un operatore, comodamente seduto, di controllare le catture effettuate.

Il connubio con i datalogger

E le trappole smart possono essere ulteriormente potenziate con sensori agrometeorologici, come datalogger per raccogliere i dati di temperatura e umidità.
Così facendo, le piattaforme digitali offrono un supporto per tracciare i dati meteorologici e ottenere simulazioni di modelli previsionali della fenologia dell’insetto.

Inoltre, sono disponibili alcuni algoritmi capaci di riconoscere e conteggiare automaticamente le catture.

Un supporto al controllo visivo

Un tale sistema consente di evitare viaggi a vuoto verso trappole prive di catture e di effettuare interventi insetticidi mirati.

Il monitoraggio, visualizzabile online in tempo reale, deve comunque essere abbinato ad un controllo personale, o in presenza o da remoto. E dove si segnalano catture è opportuno sincerarsi dello stato dell’infestazione, attraverso un campionamento visivo sulla coltura.

In sintesi, le trappole automatiche facilitano una suddivisione intelligente del lavoro, grazie alla segnalazione di siti o colture in cui risulta particolarmente urgente un intervento.

Fonte: freshplaza.it

Potrebbe interessarti anche: La smart agriculture richiede una transizione energetica

Rimani aggiornato sulle ultime news del mondo dell’Engineering, segui ItalianIngenio su Facebook!