La nuova sostenibilità alimentare: imballaggi in carta e cartone

La nuova sostenibilità alimentare: imballaggi in carta e cartone

L’ultima frontiera nel mondo degli imballaggi nel settore food & beverage è l’utilizzo di cartone riciclabile invece della plastica.
Ormai diverse realtà industriali si sono adattate alla tendenza proponendo soluzioni di packaging che siano in grado di dare maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale.

Alcuni esempi: sacchetti richiudibili in carta riciclabile per patate e carote (che tra l’altro mantengono più a lungo la freschezza dei prodotti), materiali ultraleggeri a base di fibre di legno per vaschette ready to eat, barattoli di cartone riciclato per conserve di tipologie e formati diversi.

I film retraibili passano in secondo piano, soprattutto quando si comprende che il rendimento globale delle attrezzature, i costi di manutenzione, il consumo e l’usura delle parti sono da considerare per valutare l’impatto complessivo di una macchina.
Per riconfigurare le mani di presa dei robot nell’ottica del risparmio energico e della sostenibilità ambientale, Vuototecnica è il partner ideale.

Le ventose, i generatori di vuoto e i sistemi di presa a depressione Octopus di Vuototecnica permettono un gran risparmio energetico e dimostrano particolare attenzione per le confezioni. In più sono capaci di evitare le occlusioni e gli intasamenti indesiderati spesso riscontrabili negli ambienti polverosi, come quelli in cui si lavorano e si movimentano carta e cartone.

Per conoscere i prodotti Vuototecnica: www.vuototecnica.net