Ericsson: risultati impressionanti per il traffico dati mobile nell’ultimo decennio

Ericsson: risultati impressionanti per il traffico dati mobile nell’ultimo decennio

Negli ultimi dieci anni, la tecnologia mobile ha avuto un impatto incredibile sulla società e sul business. L’edizione 2021 dell’Ericsson Mobility Report ha dunque indagato i dati dell’ultimo decennio come elemento chiave per interpretare la realtà degli anni a venire.

4G forza trainante

In soli dieci anni il traffico dati su reti mobili è aumentato di circa 300 volte. L’avvento del 4G LTE è stato il principale responsabile di tale espansione. E la strada è ora tracciata dal 5G, che mostra, almeno in queste prime fasi della sua diffusione, dati analoghi al suo predecessore.

Si deve anzi sottolineare che, a oggi, il 23% dei dispositivi in commercio è in grado di sfruttare le reti di nuova generazione, mentre, nello stesso periodo per il 4G, le quote si fermavano all’8%.

In un trimestre superati sedici anni

Inoltre, il costante incremento della velocità di connessione favorisce una crescita del traffico sempre più rapida.
Nel terzo trimestre di quest’anno il traffico dati su reti mobili è cresciuto del 42% rispetto allo stesso periodo del 2020.
E ancora più impressionante è pensare che in questo trimestre del 2021 si è registrato un traffico superiore a quello generato dal 2000 al 2016.

5G pronto a dominare il traffico

Infine, il sondaggio si sofferma sulle prospettive future. Ericsson ipotizza che per il 2027 il 5G supererà per diffusione il 4G, con circa il 50% delle quote globali.

Si prevede inoltre che per quella data la telefonia sarà molto più diffusa. Il 75% della popolazione mondiale possederà uno smartphone e il 5G genererà il 62% del traffico internet totale per questa categoria merceologica. 

Se vuoi conoscere tutti i dettagli del report scarica il pdf cliccando qui! 

Fonte: hdblog.it

Potrebbe interessarti anche: Milano: polo di eccellenza per la ricerca sull’intelligenza artificiale

Rimani aggiornato sulle ultime news del mondo dell’Engineering, segui ItalianIngenio su Facebook!