Digital energy: efficienza energetica per il manifatturiero

Digital energy: efficienza energetica per il manifatturiero

Digital energy, ovvero la digitalizzazione che spinge verso una migliore gestione energetica nelle aziende

La transazione verso la digitalizzazione è un passo necessario nelle aziende e a causa del Lockdown ha preso una velocissima spinta in avanti; adesso è il momento di lavorare sulla “digital energy“, ovvero un nuovo modo di gestire l’energia e di lavorare verso l’efficienza energetica attraverso l’automazione.

Per l’industria manifatturiera in particolare l’efficienza energetica è un tema importante e molto discusso, anche perché l’Italia ha uno dei costi per chilowattora più alti rispetto alla media europea e mondiale; di conseguenza, per le imprese del Made in Italy è sempre stato fondamentale ingegnarsi per trovare modi alternativi di risparmiare energia e restare così competitivi.

Potrebbe interessarti anche: Enea brevetta un indicatore di temperatura wireless

Il monitoraggio dei consumi per ottenere maggiore efficienza energetica

Soprattutto in ambito manifatturiero sono i motori ad assorbire la maggior parte dell’energia, con picchi del 70% del totale per le macchine rotanti. Il controllo del motore con pompe e ventilatori però migliora drasticamente l’efficienza energetica; in generale, sono diverse le tecnologie impiegate soprattutto per il monitoraggio e il controllo di macchinari o intere linee di produzione che influiscono sul risparmio energetico.

Il controllo del motore in sé non è più l’aspetto fondamentale, nella digital energy l’efficienza è un valore globale che include tutto, dal sensore al software che raccoglie i dati, dando un valore superiore all’intero processo.

efficienza energetica digital automationDigital Energy: quanto vale?

Nel 2018 il giro d’affari dell’efficienza energetica ha raggiunto 7,1 miliardi di euro in Italia, con una crescita del 6,3% rispetto all’anno precedente. Del totale, il comparto industriale vale 2,3 miliardi, circa un terzo del totale. Le aziende infatti investono molto in efficienza energetica; in particolare, è stato del 50% l’aumento in investimenti per l’efficientamento del processo produttivo.

Dall’industria 4.0 all’efficienza

L’idea di efficienza è diventata un valore globale per le aziende e quindi si è passati dal singolo componente all’intero sistema che diventa intelligente e in grado di gestire l’energia. Le fabbriche sempre più intelligenti e connesse hanno aiutato nello sviluppo di una sensibilità maggiore verso il controllo dell’energia dal momento che si ha maggiore accesso a dati e informazioni.

Rimani sempre aggiornato sugli sviluppi del mondo dell’automazione industriale, segui Italianingenio su Linkedin!